Home / NEWS / Auto in uso a persona diversa dal proprietario e annotazione sulla carta di circolazione: le nuove regole

Auto in uso a persona diversa dal proprietario e annotazione sulla carta di circolazione: le nuove regole

Dal 2014  è operativo un nuovo obbligo che riguarda chi usa autoveicoli o motoveicoli non essendone proprietario.

 

In questi casi, se il possesso -esclusivo e personale- si protrae per un periodo continuativo superiore a 30 giorni, il nominativo di chi utilizza il veicolo deve essere annotato sulla carta di circolazione, e a tal scopo va presentata una comunicazione agli uffici della Motorizzazione (DTT, dipartimento trasporti terrestri).

Sono inclusi nell’obbligo tutti i casi di comodato (esclusi quelli dove il comodatario è un familiare convivente del proprietario), di locazione senza conducente (noleggio), di custodia giudiziale con facoltà d’uso del veicolo, di utilizzo di veicoli di soggetti incapaci (minori, interdetti, etc.) o deceduti (in attesa che si attui la successione), di utilizzo di veicolo con contratto “rent to buy”, di utilizzo di veicoli facenti parte di un “trust”.
Sono invece esclusi dall’obbligo tutti i casi di auto date in uso ai familiari conviventi -a prescindere dal periodo di utilizzo-, i casi di auto aziendali assegnate ai dipendenti (fringe benefit) e gli autotrasportatori (per i quali verranno emanate norme specifiche).
Sono ovviamente esclusi anche tutti i casi dove il veicolo viene dato in prestito occasionalmente o per periodi inferiori a 30 giorni.

Chi deve procedere alla comunicazione?
Il soggetto su cui grava l’obbligo di comunicazione, e a nome del quale quindi potrebbero scattare le sanzioni, è
– il comodatario (in caso di comodato)
– il locatario o sublocatario (in caso di noleggio)
– l’affidatario (in caso di custodia giudiziale)
– gli eredi
– l’utilizzatore (nel caso di contratti “rent to buy).

Gli obblighi sono assolti anche se la comunicazione viene fatta dal proprietario del veicolo o comunque dal soggetto intestatario della carta di circolazione, a patto che venga sottoscritta una delega su modulo predisposto dal Ministero (vedi circolare MIT del 10/7/2014).
In alcuni casi, come il noleggio, di prassi si occupa della comunicazione il locatore (la società di noleggio), facendo firmare la delega all’utilizzatore al momento della consegna dell’auto.

Vediamo nel dettaglio:
– comodato: procede alla comunicazione il comodatario (persona che usa l’auto in comodato), con rilascio da parte dell’ufficio DTT di un tagliando di aggiornamento da apporre sulla carta di circolazione. Occorre una dichiarazione del comodante che attesti di aver posto il veicolo nella disponibilità del comodatario.
– noleggio: procede alla comunicazione il locatore (persona che dà l’auto in noleggio) munito di delega, SENZA necessità di stampare il tagliando di aggiornamento ma solo di una ricevuta attestante l’assolvimento dell’obbligo. NON è nemmeno necessario, ai fini della regolare circolazione, che tale ricevuta sia tenuta a bordo del veicolo.
– custodia giudiziale con facoltà d’uso del veicolo: procede alla comunicazione l’affidatario (persona a cui è stata affidata l’auto), con rilascio da parte dell’ufficio DTT di un tagliando di aggiornamento da apporre sulla carta di circolazione. Occorre una dichiarazione che attesti la propria qualità di affidatario con gli estremi del provvedimento di custodia.
– utilizzo veicolo di soggetto incapace (minore, interdetto, etc.): procede alla comunicazione il genitore o il tutore, con rilascio da parte dell’ufficio DTT di un tagliando di aggiornamento da apporre sulla carta di circolazione. Nella comunicazione vanno ovviamente specificati i dati della persona nelle cui mani viene messo il veicolo con gli estremi del provvedimento del giudice tutelare.
– utilizzo veicolo intestato a persona deceduta (in attesa che si attui la successione): procede alla comunicazione l’erede che si intesta provvisoriamente il veicolo, con rilascio di un tagliando di aggiornamento da apporre sulla carta di circolazione. Alla domanda va allegata una dichiarazione con la quale l’utilizzatore dichiara la propria qualità di erede con tutte le informazioni sul decesso e sulla procedura di successione.
– utilizzo veicolo con contratto “rent to buy” (uso con futura vendita): procede alla comunicazione l’utilizzatore con rilascio di un tagliando di aggiornamento da apporre sulla carta di circolazione. Alla domanda va allegata una dichiarazione con quale il proprietario attesta di aver posto il veicolo nella disponibilità dell’utilizzatore a titolo di “rent to buy”, specificando la durata del contratto.

A chi rivolgersi
La comunicazione va fatta all’ufficio locale della Motorizzazione (DTT), direttamente o tramite un’agenzia di pratiche auto (tecnicamente gli studi di consulenza automobilistica), entro 30 giorni da quando ha avuto inizio il possesso, utilizzando la modulistica fornita dall’ufficio stesso.

Per il Comune di Genova, l’Amministrazione traverso l’approvazione di appositi atti amministrativi, ha recepito le indicazioni di cui sopra.Pertanto, non è possibile rilasciare un’autorizzazione Blu Area e/o Ztl, ad un veicolo intestato a una persona non convivente se non con la trascrizione sul libretto di circolazione di cui sopra.

 

Riferimenti normativi:

– Circolare prot. 15513 del 10 luglio 2014

-Art.94 comma 4-bis C.D.S. e art.247-bis D.P.R. n.495/1992 – Nuove disposizioni in materia di variazione della denominazione o delle generalità dell’intestatario della carta di circolazione e di intestazione temporanea di veicoli

– Circolare prot. 23743 del 27 ottobre 2014

-Intestazione temporanea di veicoli – Circolare prot.n.15513 del 10 lulgio 2014 – chiarimenti applicativi

– Art. 94 del Codice della strada

– Art. 247 bis del Regolamento di esecuzione del codice della strada

 

Print Friendly

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

15 − 2 =

x

Check Also

RIDUZIONE TARIFFE SOSTA A ROTAZIONE

A partire dal giorno 21 agosto 2017 e sino al 1 settembre… Continua RIDUZIONE TARIFFE SOSTA A ROTAZIONE