Home / DISABILI / CONTRASSEGNO UNICO DISABILI EUROPEO (C.U.D.E.)

CONTRASSEGNO UNICO DISABILI EUROPEO (C.U.D.E.)

DAL 2 APRILE IN DISTRIBUZIONE A GENOVA IL CONTRASSEGNO UNICO DISABILI EUROPEO (C.U.D.E).

Con il D.P.R. 30 luglio 2012, n. 151 è entrato in vigore il nuovo contrassegno di parcheggio per disabili sul modello europeo, in virtù della modifica dell’articolo 381 del regolamento del Codice della Strada, in conformità alla raccomandazione 98/376/CE.
Il contrassegno è rilasciato alle persone con capacità di deambulazione sensibilmente ridotta o impedita.
La sostituzione del contrassegno invalidi con il nuovo contrassegno di parcheggio per disabili dovrà avvenire entro tre anni dall’entrata in vigore delle modifiche, cioè entro il 15 settembre 2015, salva la facoltà per i comuni di abbreviare tale termine transitorio.

• COSA NON CAMBIA
1. Il contrassegno è strettamente personale, non legato ad un veicolo, dunque non è rilasciabile a soggetti giuridici diversi;
2. Il contrassegno va esposto in originale sul parabrezza anteriore del veicolo quando il disabile è alla guida o è a bordo del veicolo accompagnato da terzi;
3. Restano invariate le facilitazioni, a cui hanno diritto i titolari del contrassegno, ai sensi della normativa vigente:
 parcheggio negli stalli riservati per i veicoli al servizio delle persone disabili
 transito e la sosta nelle zone a traffico limitato
 transito nei percorsi nelle corsie e strade preferenziali destinate ai mezzi pubblici dove transitano anche i taxi
 deroga all’obbligo del rispetto dei limiti di tempo se il veicolo è lasciato in sosta nelle aree di parcheggio a tempo determinato
4. Permangono i divieti di sosta previsti in generale dal CdS :
 sui marciapiedi;
 negli spazi per i mezzi pubblici (corsie e fermate bus e/o taxi), o nei posteggi merci;
 negli spazi riservati ai mezzi di soccorso e di polizia;
 in generale in ogni luogo dove la sosta rechi comunque grave intralcio;
5. Le procedure di rilascio e rinnovo contrassegno restano invariate a meno di alcuni dettagli elencati ai punti 5) e 6) del paragrafo successivo. Il rilascio continuerà ad essere effettuato dalla società Genova Parcheggi, che agisce per tale attività per nome e conto del Comune di Genova. Gli utenti, dunque, dovranno recarsi presso gli sportelli in Via delle Brigate Partigiane, 1.
6. per il solo Comune di Genova permane la gratuità della sosta nelle aree soggette a tariffazione secondo il regime denominato Blu Area, qualora gli stalli riservati risultino non disponibili. Non essendoci obbligo normativo in tal senso, ma solo raccomandazioni, tale previsione non è applicata in tutte le aree in concessioni a terzi (ad es. aree in p.za della Vittoria gestite da APCOA)

• COSA CAMBIA
1. Il contrassegno fa riferimento al simbolo internazionale di accessibilità;
2. Necessità di modificare tutta la segnaletica verticale e orizzontale prevista dal regolamento del CdS, adeguandola al nuovo simbolo;
3. Possibilità di inserire un microchip elettronico di raccolta ed eventualmente di comunicazione dati, lasciando aperta la possibilità di far ricorso alla tecnologia per i controlli statici o dinamici in caso di sosta o transito dei veicoli al servizio delle persone invalide;
4. Il nuovo CUDE è a tutti gli effetti un documento di riconoscimento;
5. Per quanto riguarda le procedure di rilascio/rinnovo del contrassegno le novità sostanziali consistono in:
 obbligo della la firma del disabile richiedente sul retro del contrassegno, pertanto non è possibile procedere al rilascio del contrassegno per delega;
 per il rinnovo del contrassegno per invalidità temporanee è obbligatorio procedere a nuova visita medico legale o a esibizione di rinnovo di certificazione ex l. 104/92 o 102/09 come da primo rilascio;
 per l’eventuale assegnazione di settore di sosta riservato deve essere verificato oltre alle già previste caratteristiche dell’area oggetto di richiesta anche che l’interessato non abbia disponibilità di uno spazio di sosta privato accessibile nonché fruibile.
6. per il solo Comune di Genova
 previsione di un costo a carico dell’utente di 5,00 €, quale parziale contribuzione degli oneri aggiuntivi di emissione (obbligatorietà della plastificazione del contrassegno)

• ASPETTI POSITIVI PER GLI UTENTI AVENTI DIRITTO
1. Seppur già il passato contrassegno consentisse la sosta in ambito europeo, grazie all’esistenza di accordi bilaterali tra stati, il nuovo contrassegno grazie all’adozione del layout unificato ne facilita sicuramente il riconoscimento e, dunque, l’utilizzo in tale contesto;
2. Le nuove prescrizioni della struttura del contrassegno ne limiteranno senza dubbio la contraffazione e l’uso improprio, aumentando, dunque, l’offerta di sosta per coloro i quali ne hanno realmente diritto;
3. Nel momento in cui sarà dato avvio anche all’inserimento del microchip nel contrassegno, con la conseguente adozione di una procedura unificata di riconoscimento dei veicoli a servizio delle persone disabili, saranno notevolmente semplificate tutte le procedure di accesso alle facilitazioni per la mobilità previste.

•  VADEMECUM
La Consulta Regionale per la tutela dei diritti della Persona Handicappata in collaborazione con Genova Parcheggi ed il Comune di Genova hanno redatto un documento intitolato “Guida al Contrassegno per Disabili Europeo”, una sorta di vademecum, rivolto sia all’utenza che alle amministrazioni locali, contenente:
 Tutte le novità inserite dalla recente normativa;
 Indicazioni dettagliate sul layout del nuovo contrassegno;
 Indicazioni per la procedure di rilascio/rinnovo del contrassegno
 Indicazioni sul rilascio di autorizzazioni per settori di sosta riservati (esempio della procedure implementata dal Comune di Genova)
Tale documento rappresenta un utile strumento a supporto sia dell’utenza, la quale può trovare tutte le indicazioni inerenti le procedure e la documentazione da produrre, sia di altri enti, con dimensioni e bacini di utenza di gran lunga inferiori del Comune capoluogo, per la propria attività di rilascio contrassegni.

• SVILUPPI FUTURI
1. E’ in fase di approvazione da parte della Giunta Regionale un documento contenente le linee guida per criteri valutativi medico – legali relativi al riconoscimento della “capacità di deambulazione impedita o sensibilmente ridotta” ai fini del rilascio del contrassegno disabili, al fine di evitare possibili disparità di valutazioni determinate da eccessiva soggettività del giudizio.
Il documento è stato redatto da un gruppo di lavoro costituito da: assessorati competenti della Regione Liguria, Consulta Regionale e uffici di medicina legale delle ASL liguri.
I nuovi criteri individuati incideranno significativamente sulla possibilità di rilascio dei contrassegni, si stima una riduzione di circa il 25 – 30 % rispetto agli attuali contrassegni circolanti. Anche in questo caso ne trarranno un sensibile beneficio coloro i quali hanno oggettivamente titolo e necessità per la propria vita sociale del contrassegno disabili.
2. In un’ottica di efficentamento dell’azione amministrativa, avvalendosi dell’ormai consolidato know-how in materia, Genova Parcheggi si è resa disponibile a collaborare al fine dell’emissione dei nuovi contrassegni, ove ritenuto opportuno, con i piccoli comuni all’interno dei confini della città metropolitana / provincia.

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

x

Check Also

Chiusura uffici al pubblico il giorno 14/08/2017

Con la presente informiamo la cittadinanza, che il giorno 14 Agosto 2017,… Continua Chiusura uffici al pubblico il giorno 14/08/2017